bussole fatti in Italia

Bussole - Peltro

La credenza che furono i cinesi i primi inventori della bussola deriva da leggende in cui si parla dell'uso di un "carro che punta al sud" in cui una figura dalle sembianze umane con un braccio alzato e proteso in avanti indicava sempre questo punto cardinale. Se si segue questa traccia, allora la bussola fa la sua comparsa addirittura nel 2634 a.C., anno in cui l'imperatore Huang Di combatté e vinse una battaglia contro dei ribelli servendosi appunto di tali carri per guidare le truppe contro il nemico attraverso una fitta foschia. Non potendo prendere in seria considerazione quanto narrato nelle leggende, la prima importante evidenza che i cinesi facessero uso delle bussole per guidare le navi, è quella contenuta in un'opera dal titolo P'ing-chou-k'o-t'an, datato approssimativamente intorno alla fine del XI secolo d.C.

Si è inoltre ipotizzato che le bussole fossero state inventate dagli arabi (tesi che trova credito nella constatazione che essi possedevano a quei tempi un'indubbia superiorità in campo scientifico, nonché una grande perizia nell'arte della navigazione), anche se altri studiosi osservano che arabi, turchi e persiani indicavano lo strumento con il termine "bossola", derivato dai volgari italiani, indicando una probabile derivazione straniera dello strumento. Qualunque sia la sua origine, è cosa certa che le prime informazioni riguardanti l'impiego delle bussole per la navigazione ci giungono dalla Cina (1100 d.C.), dal mondo arabo (1200 d.C.), dalla Scandinavia (1250 d.C.) e dall'Europa (1187 d.C.).



Elenco dettagliato | Elenco sintetico
bussola stellare
Bussola stellare
cm Ø 17,5
9670     CALLISTO
bussola magnetica
Bussola magnetica
cm Ø 6,5
9660     POLARIS